lunedì 16 febbraio 2009

Primi bilanci.


Buona notte a tutti.
Ho appena finito di sistemare tutto dopo il mio primo weekend da figliol prodigo.
Sto a pezzi, mi fa male tutto, e non vedo l'ora di prendere 2 vivinC e andarmene a dormire, nonostante il sonno mi sia quasi completamente passato, come succede sempre in questi casi (ed è quasi meglio così, che non mi va troppo di abbioccarmi in autostrada mentre guido)

Vi avevo promesso di scrivere qualche riga, e sono ormai 2 settimane che vengo meno alla mia parola, per cui procederemo in ordine cronologico.

Settimana 2-8 febbraio
Tutto più o meno ok, ho cominciato col lavoro, facendo una vera e propria scorpacciata di nozioni ingegneristiche. Non mi avevano nemmeno abilitato un PC, per cui ero limitato a leggere libri un po' vecchi, ma comunque abbastanza interessanti.

Tutto procedeva in maniera quasi decente fino a che non ho dovuto creare con carta e penna una 10ina di pagine di tabelle excel, è stato altamente spiacevole... soprattutto perchè alla fine dell'impresa il capo si accorge che c'era stato un leggero disguido, e si ricordava male la password del PC... incoraggiandomi dunque a scrivere tutto per bene su excel. Cacchio, avrei preferito spalar neve che perdere il mio tempo così, ma a chi tocca nun se ingrugna. (non troppo)

Il weekend di quella settimana è stato terribile... (e anche qui Anto, pure se leggerai mai qua, spero l'abbia comunque immaginato) Fare il tassinaro in giro per Milano, per amici o parenti di amici... non è la mia idea di relax, tanto meno di divertimento.
L'unica nota più o meno positiva è quell'aneddoto a cui accennavo qualche post fa, e che ho ormai spiegato quasi a tutti: col mio russare ho talmente snervato un poraccio americano che aveva avuto la sfortuna di dormire in camera con me (appunto, amici di amici) (badate bene: io per terra col sacco a pelo, lui sul divano, niente di lontanamente promiscuo) (vepiascerebbeeeeeee) che ad un certo punto della notte sto poraccio scappa, e si va ad accucciare nella doccia! Inoltre, come se non bastasse, in qualche modo tira il cordino che attiva quella specie di allarme, che ha ronzato per 15 minuti prima che qualcuno si degnasse di vedere cosa stesse succedendo (e quel qualcuno ovviamente non ero io)
Attendendo alla stazione che arrivassero parenti di parenti non miei che dovevo scarrozzare, fo una foto al pirellone di profilo e, anche se la foto non rende giustizia, mezzo tramonto e cielo blu senza nemmeno una nuvola.


Settimana 9-15
A lavoro si cominciano a presentare le prime difficoltà: cioè comincio a non capirci una gran ceppa. Vari tipi dicono cose diverse, contraddicono cose che mi avevano dato da studiare, io provo a fare domande e mi si risponde o con "non so, ci badava Caio a questa cosa" con Caio ovviamente non presente per giorni) o "vabbè quello che avevamo fatto non andava proprio bene, ma ciccia". Sto ancora cercando il bandolo della matassa, vedremo se la settimana prossima porterà un miglioramento... o no.

Venerdì son partito per Milano, ho parcheggiato sotto casa del padano, e questi molto gentilmente mi ha scarrozzato alla stazione, non prima di aver dato spettacolo.
Qui sono costretto a lasciare tutto alla vostra immaginazione, che non ho modo di convertire il filmato del cel in formati decenti... sappiate solo che c'etra il supermercato (fatt)issimo, e che è una cazzata incredibile di 10 secondi, per cui non sperate vi strappi nemmeno un sorriso, s'è fatto così tanto per. Ecco una diapositiva.


E il resto è storia. weekend standard, almeno ci siamo rivisti dopo una mesata. Grazie ad Ernesto per lo scarrozzamento stazione-pub-casa, ad Alessio per averci ospitati con la scusa della partita (e che partida! Dio bono...), a Rocco per le frappe e proto-castagnole, e a tutti i presenti per essere stati -appunto- presenti. Una nota di demerito a Valentina che ovviamente da buca all'ultimo, ma ce l'aspettavamo tutti.

Il ritorno è stato tranquillo, 10 minuti di ritardo, quindi tempo totale di treno 3 ore e 40 minuti. Ma era stato tutto troppo facile...
Sorpresa #1: Prendere un fottuto biglietto della metro... a parte le file di 20 minuti che le macchinette erano prese d'assalto (dannati incapaci che non riescono a capire come usare un distributore di biglietti... cazzo ci vuole? 3 lauree e 5 master?)
Sorpresa #2: Aver quasi finito la fila alle suddette macchinette, che la PUTTANA si INCEPPA all'omino davanti a me. CAZZO. Ho ovviamente dovuto buttare altri 20 minuti a rifare la fila ad un'altra macchinetta.
Sorpresa #3: Solo 3 fermate di metro e 10 minuti a piedi dalla stazione alla macchina... vabbè questa è stata una sorpresa positiva!
Sorpresa #4: Un bellissimo cartello luminoso in autostrada che indica "Incidente a Legnano", e aveva ragione... super fila di quasi 30 minuti... PERDIANA. Per la disperazione ho fatto qualche foto col cel, tanto stavamo fermi.


Ebbene si, macchina cappottata in un'autostrada a 3 corsie che più dritta non si può. Mah.

E ora... buonanotte a tutti. Comincia a girarmi la testa, vediamo se domani dovrò starmene a casa malato, o cosa... Addio.

9 commenti:

  1. grand eurba la furba!!!
    roma batte milano sempre e cmq! ricordalo!!!

    RispondiElimina
  2. AHAHAHA ammazza che ritorno sfigato compà...

    RispondiElimina
  3. c'hai na sfiga cumpà!!!! cmq sbaglio o l'entusiasmo iniziale sta calando di brutto?!?!?! sarà l'influenza, mah.
    cià, tra domani e mercoledì ti porto una medicina profumata profumata. in tibet dicono che curi tutto e se lo dicono loro...

    RispondiElimina
  4. giusto per confermare quanto detto dal padano, sto una merda, sono tornato a casa alle 9.30 di corsa con brividi febbre e male ovunque.
    Che gioia!

    RispondiElimina
  5. azzo ma stai andando al lavoro?

    RispondiElimina
  6. ma col cavolo che vo al lavoro che sto male... ho provato lunedì che all'inizio mi sentivo bene, poi appunto è dalle 9.30 di lunedì che sto a casa. E lì non ci torno fino a lunedì prox...

    RispondiElimina